Comuni virtuosi e gestione delle acque – A Pimonte, Francesco Somma inaugura lo Sportello Amico. Ma il sindaco recupera anche alla Cassa depositi e prestiti fondi mai spesi in anni passati

13 Novembre 2023
Lettura 1 min

Parte al Comune di Pimonte un nuovo servizio per i cittadini! Tanto richiesto e finalmente realtà. Finalmente da Pimonte non ci si dovrà più spostare per risolvere problematiche inerenti la fornitura di acqua. Lo si legge nel post che il primo cittadino, il dr. Francesco Somma,

“Oggi abbiamo inaugurato al Comune di Pimonte lo Sportello Amico di GORI. Uno strumento utilissimo, frutto di un accordo tra il nostro comune e gli enti preposti – si legge -. L’accordo prevede la formazione di personale comunale sull’utilizzo dei sistemi informativi di Gori. Presso lo Sportello Amico è disponibile la modulistica utile ad effettuare diverse richieste relative alla propria fornitura. Per questo importante risultato – scrive il sindaco – ringrazio Luca Mascolo Presidente EIC – Ente Idrico Campano, Vittorio Cuciniello Amministratore delegato Gori, Gerardo Grimaldi responsabile sportello amico Gori e Pasquale Somma Presidente Consiglio Comunale di Pimonte”.

Ma nei giorni scorsi il primo cittadino ha anche divulgato una importante notizia.

“Abbiamo recuperato 320 mila € di residui di vecchi mutui con i quali contrasteremo l’aumento generale dei prezzi e realizzeremo opere pubbliche per Pimonte. Nelle scorse settimane, durante alcune visite istituzionali, siamo stati a Napoli presso Cassa Depositi e Prestiti per verificare i rapporti pendenti tra il nostro Comune e l’istituto finanziario.

Durante l’ incontro, con non poca sorpresa, abbiamo scoperto l’esistenza di residui di vecchi mutui contratti nel passato. Soldi che senza l’intervento da parte della nostra Amministrazione comunale avremmo seriamente rischiato di perdere. Un salvataggio – per usare un termine calcistico – “in calcio d’angolo” che ci ha permesso di recuperare somme per ben 𝟑𝟐𝟎 𝐦𝐢𝐥𝐚 𝐞𝐮𝐫𝐨 di residui di vecchi mutui, alcuni risalenti addirittura al 1987.

Soldi a disposizione dei pimontesi fermi lì da tantissimi anni e non utilizzati, e che avremo finalmente la possibilità di iscrivere a bilancio per poterli investire in opere pubbliche per la nostra comunità

La liquidità è fondamentale per realizzare gli interventi, ma prima di ricorrere all’accensione di nuovi prestiti bisogna effettuare attente verifiche per non mandare in subbuglio le casse comunali

La nostra Amministrazione è molto attenta ai soldi pubblici di tutti i cittadini pimontesi e spenderà questi residui in scadenza investendo così anche nelle politiche di sviluppo del territorio”.

In Italia servono tanti Comuni come Pimonte.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Civiltà sanitaria? “Solo il 15% dei bambini riceve cure paliative. Ssn non monitora terapia del dolore”

Prossimo Servizio

Mense scolastiche, i Nas scoprono che quasi 4 su 10 non sono in regola

Ultime notizie su Cronaca

TornaSu