Coccodì Coccodà, la canzone poliglotta

Lettura 1 min

di Marcus Dardi – La musica è spesso gioia e allegria. Molte sono le canzoni allegre ma poche sono quelle comiche.

Il genere comico, essendo particolarmente difficile, è sicuramente interessante ed è importante conoscerlo e valorizzarlo. Incominciamo con una canzone del 1965 scritta da un noto cabarettista milanese: Walter Valdi.

Il brano fu riproposto da I Gufi prima, poi da Nanni Svampa e da altri artisti. Insieme a Celso scrissero Coccodì Coccodà una canzone comica e poliglotta.

La canzone trae ispirazione da un canto popolare francese molto più antico dal titolo “mon coque est mort”. Nella versione di Walter Valdi la musica è uguale all’originale ma la ripetizione della stessa frase in più lingue la rende originale.

La nostra versione si è limitata a cantare correttamente nelle varie lingue eliminando la versione maccheronica di Valdi.

Video da “Cantiamo L’Italia“.

Servizio Precedente

Fratelli no vax? Lollobrigida,"Green pass è segregazione. No a vaccino sotto 40 anni, letalità inesistente"

Prossimo Servizio

E' ufficiale, FdI e Lega contro il Green Pass e tamponi di controllo: "E' terrorismo mediatico". Nota comune con assessori Lombardia, Liguria, Sicilia, Calabria e presidente Marche

Ultime notizie su Cronaca