Cina, l’ex ministro della Giustizia condannato a morte per corruzione e favoritismo. Pena forse diventerà ergastolo

22 Settembre 2022
Lettura 1 min

 L’ex ministro della Giustizia cinese, Fu Zhenghua, e’ stato condannato a morte con due anni di sospensione della pena per corruzione e favoritismo. Lo riporta l’emittente “Cctv” citando il verdetto emanato dal tribunale intermedio di Changchun, nella provincia nord-orientale di Jilin. La pena capitale con sospensione di solito puo’ essere commutata con l’ergastolo, a condizione che l’imputato mostri segni di redenzione. In caso di commutazione della pena, Fu verrebbe condannato alla reclusione a vita senza condizionale. Nel mese di luglio, l’ex ministro della Giustizia ha ammesso di aver accettato tangenti per un totale di oltre 16,50 milioni di dollari. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Centro Studi Walser, nuovo numero di Remmalju. Scuola di Rimella, cenacolo della memoria

Prossimo Servizio

Per salvare l’Euro va distrutta la domanda interna?

Ultime notizie su Cronaca

L’ipotesi del guasto nel down di Microsoft

A proposito del caos informatico che si sta verificando a livello globale – con utenti di Microsoft che non riescono ad accedere a diverse app e servizi, con effetti su trasporti banche e comunicazioni
TornaSu