Caso Fidanza: “Polpetta avvelenata a due giorni dal voto”

Lettura 1 min

 L’autosospensione di Carlo Fidanza da Fdi è “un atto dovuto che penso gli faccia onore”. Nel frattempo noi “avvieremo le procedure per valutare quello che accaduto. Non possiamo agire come i tribuni del popolo. Giorgia Meloni ha chiesto di vedere tutto il filmato. Non sarebbe la prima volta che una serie di montaggi un po’ tendenziosi deformano la realtà.È chiaro che se dovesse esser confermato quel che abbiamo visto a Piazzapulita agiremo. Noi non abbiamo mai avuto a che fare con nazisti, razzisti, li abbiamo sempre cacciati a pedate”. Detto questo, “ci sono polpette avvelenate. Penso non sia giusto tirarle fuori così, a pochi giorni dal voto. Il sospetto è legittimo”. Lo dice il vicepresidente della Camera Fdi Fabio Rampelli a Reoubblica a proposito del caso Fidanza e dei possibili finanziamenti in nero al partito denunciati dall’inchiesta di Fanpage.

“Bisogna capire il contesto e comunque bisognerebbe chiedere a quelli di Milano, io non li conoscnosco”, dice Fidanza a proposito dei rituali nazifiascisti che l’indagine svela. “Conosco invece Fidanza e sono trasecolato. È un ragazzo che non ha mai avuto derive di questo tipo». «Se quello che viene evocato dovesse essere confermato dalla visione delle cento ore di girato – afferma il vicepresidente della Camera- mi pare evidente ci sia incompatibilità. Ma a due giorni dal voto è difficile dimostrarlo. Credo ci sia un desiderio di fermare una crescita di FdI scritta nelle stelle. C’è un desiderio di centrodestra e Meloni è ritenuta leader affidabile». 

Servizio Precedente

Fratelli d'Italia-Fidanza, Procura apre fascicolo su inchiesta Fanpage

Prossimo Servizio

La tassa sulla gentilezza. Per la Cassazione anche le mance vanno tassate

Ultime notizie su Cronaca