Categorie: Cronaca

Campi Flegrei, la scossa più forte da 54 anni. Paura e notte in auto a Pozzuoli

 Quella registrata ieri sera all’Ingv nei Campi Flegrei a Napoli, interessato da un nuovo sciame sismico, è la scossa più forte almeno degli ultimi 54 anni nella zona dove insiste un bradisismo monitorato dall’Osservatorio Vesuviano. Fra il 1970 e il 1972 furono rilevati, come ricorda il Dipartimento della Protezione civile, sciami sismici con eventi di bassa magnitudo, in gran parte non avvertiti dalla popolazione: furono registrati circa 2.600 scosse tra il 28 febbraio e il 30 ottobre 1970, tutte sotto grandezza di 2.0. Un’altra ‘crisi bradisismica’ è documentata fra il 1982 a il 1984: dal suo inizio sino a fine 1983 si registrarono oltre 5.000 eventi significativi. Nel 1984 aumentò il numero di terremoti di magnitudo più elevata (a luglio si registrarono scosse fino a 4.1) culminati in quello che fece segnare 3.8 l’8 dicembre. Da quel momento la sismicità si ridusse fino a cessare nel 1985. I tempi più recenti, il 27 ottobre 1996 si registrò una scossa di magnitudo 4.1.

Dalle 19.51 di ieri sera è in corso uno sciame sismico nell’area dei Campi Flegrei che, fino alle ore 00.31 di oggi, ha fatto registrare in circa 150 terremoti con magnitudo massima di 4.4. L’evento di magnitudo 4.4 è stato il più energetico tra quelli registrati dall’inizio dell’attuale crisi bradisismica iniziata nel 2005. L’epicentro è collocato all’interno della Solfatara ad una profondità di 2.6 km. Non si registra allo stato attuale un aumento della velocità di sollevamento che è di 2 cm/mese. Non si registrano variazioni di andamento nelle deformazioni orizzontali o deformazioni locali del suolo diverso rispetto all’andamento precedente. Lo rende noto l’Ingv. La sismicità non è un fenomeno prevedibile, pertanto non può essere escluso che si possano verificare altri eventi sismici, anche di energia analoga con quanto già registrato durante lo sciame in corso. 

Sono 35, in tre edifici, le abitazioni sgomberate in via precauzionale. Lo si apprende dalla prefettura di Napoli. Per quanto riguarda la viabilità ei sotto servizi non vengono segnalate particolari problematiche, così come sul piano sanitario. Da domani – sempre secondo quanto si apprende dal Centro coordinamento soccorsi, presieduto dal prefetto Michele di Bari – inoltre è stata disposta la chiusura delle scuole nei comuni di Bacoli, Quarto, Monte di Procida, Qualiano e nelle municipalità 9 e 10 di Napoli. Continuano gli accertamenti da parte delle squadre dei Vigili del fuoco.

credit foto alex-shapovalov-QAB9L5kbEbI-unsplash

Stefania Piazzo

Articoli recenti

AUTONOMIA DIFFERENZIATA-LA RIFORMA IMPOSSIBILE CHE FA COMODO A TUTTI, CON UN “FRONTE DEL NO” E UN “FRONTE DEL NORD”

di Cuore Verde - A differenza degli esperti che, in questi giorni, si prodigano a…

6 ore fa

Gremmo: materiale elettorale nel porto delle nebbie. E quei voti negati al piemontesista Allasia

di Roberto Gremmo - Continuo a ricevere segnalazioni sulla consegna del mio materiale elettorale spedito…

6 ore fa

“Il deficit si combatte solo con la crescita economia reale. Lo Stato è invadente, si perdono imprese”

"L'economia italiana, negli scorsi giorni, è stata al centro di un intenso scrutinio da parte…

7 ore fa

Unimpresa: Italia ed evasione Iva. In Europa peggio di Germania, Francia, Spagna e Olanda

Nel 2022 il nostro paese ha fatto notevoli miglioramenti nel contrasto all'evasione dell'IVA, ma il…

7 ore fa

BALLOTTAGGI – Al voto in più di 100 Comuni. Attesa per Firenze, Bari….

Urne aperte dalle ore 7, in oltre 100 comuni italiani, per i ballottaggi delle elezioni…

7 ore fa

IL SOLITO FILM – Lo Stato il peggior pagatore. Pmi del Sud quelle che aspettano di più. I ministeri maglia nera

122 miliardi di euro, ma ancora una volta non è riuscito a onorare tutti gli…

7 ore fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto