Categorie: Cronaca

Bufera giudiziaria su Asm Pavia

Gli esiti delle indagini che hanno portato agli arresti dei vertici dell’Asm di Pavia, secondo i magistrati consentirebbero di “dimostrare con certezza come nella Provincia” pavese “proliferi un sistema circolare in cui le aziende municipalizzate o gli stessi enti locali subiscono deprivazioni delle proprie risorse a vantaggio di individui attivi nel campo della politica, che utilizzano tali fondi per scopi personali tra cui lo stesso rifinanziamento delle proprie campagne elettorali, così da mantenere le funzioni già occupate e di ribadire lo schema”. Lo sostiene la Procura di Pavia in un passaggio della richiesta di misura cautelare che è stata riportata dal gip Pasquale Villani nel provvedimento con cui ha disposto i domiciliari per il presidente e il direttore generale dell’Asm di Pavia, del titolare di Civiling Lab, del responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune di San Genesio e Rup di uno degli appalti ritenuti irregolari. I pm pavesi, titolari dell’inchiesta su irregolarità in alcuni appalti e nell’uso di fondi del Pnrr, nel parlare di un “sistema circolare” evidenziano “un diretto coinvolgimento” di Asm – “strumento asservito alle necessità della politica” – e anche dei suoi “funzionari apicali” nella campagna elettorale di una candidata non eletta alle ultime regionali per Fratelli d’Italia. Cosa che “rendeva ancora più verosimile l’ipotesi investigativa”, condivisa dal giudice Villani, “per la quale le risorse” della municipalizzata “sarebbero stabilmente destinate a subire drenaggi per fini estranei al pubblico interesse”.

Nell’ordinanza, in particolare nei punti in cui si cita la richiesta di arresto alla quale il gip ha aderito, si afferma come Asm sarebbe “uno strumento completamente sottratto al proprio fine ultimo ed asservito alle necessità della politica”. Ed ad “emblema di tale asservimento” si citano incontri del 13 marzo e 4 aprile scorsi. L’operazione ha portato la Gdf a effettuare una serie di perquisizioni e di acquisizioni nell’abito dell’inchiesta in cui sono stati contestati a vario titolo i reati di peculato, turbativa d’asta e frode in pubbliche forniture, nella quale, tra gli indagati, risulta esserci anche il sindaco di San Genesio.

Redazione

Articoli recenti

L’intuizione di Umberto. Il valore di appartenere ad una terra. Poi la mutazione, senza Bossi, in rigurgito centralista

di Raffaele Piccoli - Il 12 aprile 2024, è una data importante per l'autonomismo. Il…

10 ore fa

40 anni di Lega, ovvero i 40 anni dalla scoperta del Nord. Dopo Bossi, resta un vuoto nella politica

di Stefania Piazzo - Anni fa mi trovai a pranzo, faccia a faccia, con Margherita…

20 ore fa

Bce, col piffero che abbassiamo i tassi. C’è l’inflazione. E chiudono: Anzi, i tassi alti fermano i prezzi”. Come no…

Tutto secondo copione nella riunione di aprile del Consiglio direttivo della BCE: dal meeting infatti è…

1 giorno fa

Festa sabato a Gemonio. “Astenersi sostenitori Ponte Stretto”

di Cassandra - Libri, sostegno al generale Vannacci, rincorsa al quel "io c'ero" che vuole…

1 giorno fa

Suviana, si indaga per disastro. 100 vigili del fuoco al lavoro

Sono cento i vigili del fuoco impegnati nei soccorsi alla centrale idroelettrica di Bargi (Bologna)…

1 giorno fa

Tragedia Suviana, oggi sciopero di 4 ore

 Al via lo sciopero proclamato dal Cgil e Uil a sostegno della sicurezza del lavoro,…

1 giorno fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto