Bollette, Arera ha deciso le scadenze dei pagamenti delle bollette. Tre mesi la luce (che botta), un mese il gas

29 Settembre 2022
Lettura 1 min

Come ha annunciato ARERA nella delibera di oggi, dal prossimo mese entreranno a regime le variazioni sull’elettricità. Per la luce, i pagamenti resteranno trimestrali, mentre per il gas si passerà a una rateizzazione mensile. Non possiamo che sperare che questa decisione possa giovare all’intero sistema ma deve essere chiaro che urgono al più presto nuovi interventi da parte del Governo per alleggerire l’effetto persistente dei rincari energetici sulle utenze. I consumatori sono stanchi di farsi prendere per la gola a causa dei rialzi e dei continui attacchi speculativi”, cosi in una nota il Presidente nazionale Udicon, Denis Nesci. 
“A questo punto diventa cruciale migliorare l’informazione ai consumatori in relazione ai costi dell’energia che si ritroveranno ad affrontare in inverno. Per questo ci auguriamo che Arera nei prossimi mesi vigili attentamente sulle modifiche apportate agli adeguamenti tariffari perché purtroppo il consumatore non è in grado di avere contezza e percezione dei costi effettivi. Di questo passo il consumatore rischia di ritrovarsi in un mare magnum senza vie di uscita” prosegue Nesci. 
“Ci auguriamo che nel Consiglio Europeo sull’energia di domani si riesca a trovare un accordo definitivo e unitario sul tetto al prezzo del gas tra gli Stati membri che, come Associazione che tutela i consumatori, chiediamo da oltre un anno” conclude Nesci.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

DAL 48,9 AL 14,9% – Anche in Veneto raccolta firme per congressi regionali Lega con Da Re e Vallardi

Prossimo Servizio

La grana all’orizzonte del Governo. Chiude per il caro bollette un supermercato vicino a Cesena. Sarà il primo di una serie

Ultime notizie su Cronaca

Terzo mandato, fratelli coltelli

 Resta alta in maggioranza la tensione sul tema dell’ampliamento dei mandati per i governatori di regione, che la Lega vuole portare a tre, come previsto nei suoi emendamenti al decreto Elezioni, in
TornaSu