Biden, soffiano venti di guerra? L’America torna in Siria

Lettura 1 min

di Luigi Basso – A poche ore dal giuramento Joe Biden fa un’altra discutibile mossa in campo internazionale. All’alba di venerdì un convoglio militare formato da camion, elicotteri e numerosi veicoli blindati ha invaso la Siria nord orientale scortato da caccia e centinaia di soldati, entrando nel governatorato di Al-Hasakah. Una grande quantità di armi e attrezzature sono state trasferite nelle basi nelle province di Hasakeh e Deir Ezzor.
La mossa è poco comprensibile dal momento che il disimpegno di Trump aveva lasciato mano libera ai russi che avevano sbaragliato in pochi mesi L’ISIS.
Tutto lascia pensare che torneranno a soffiare venti di guerra in medio oriente, dopo che la politica estera di Trump aveva contribuito oggettivamente a calmare la situazione.

Servizio Precedente

L'Europa non è uno Stato federale. Londra non riconosce l'ambasciatore Ue

Prossimo Servizio

La Lega dei Calabresi

Ultime notizie su Cronaca