BANDA MAGLIANA – Giudice Lupacchini, Nicoletti era collante di più organizzazioni criminali

Lettura 1 min

“Un uomo che ha rappresentato un momento importante dell’attività di collateralismo alle organizzazioni criminali per massimizzarne i profitti, attraverso articolate attività di riciclaggio. Era il collettore di più mondi criminali, con collegamenti indubbi con la politica e la pubblica amministrazione. Chiaramente aveva un tasso criminale molto elevato. Negli ultimi tempi si era improvvisamente eclissato”. Così all’Adnkronos il magistrato Otello Lupacchini, che a lungo ha indagato sulla Banda della Magliana, commenta la morte del ‘cassiere’ del sodalizio criminale romano, Enrico Nicoletti. “Con lui – prosegue – muoiono probabilmente segreti che si porterà dietro per le attività che ha compiuto, a partire dall’intervento che ebbe nell’ambito del sequestro Cirillo per il pagamento del famoso riscatto. E tanto altro. Aveva rapporti con tutti – racconta Lupacchini – con la ‘ndrangheta, con i napoletani, con la Banda della Magliana e associati. Una volta – racconta – riuscì nell’impresa di mettere intorno ad un tavolo i capi di camorra, mafia, ‘ndrangheta e Magliana”. “L’ho interrogato diverse volte. Un tipo arrogante. Un giorno, nel corso di un interrogatorio pretese che gli venisse offerto un tè e si lamentò della scarsa qualità dei pasticcini”, conclude.

Photo of Bill Oxford

Servizio Precedente

Fondi Lega: prestanome vuole patteggiare, pena di 4 anni e 10 mesi

Prossimo Servizio

A Natale e Santo Stefano ci controlleranno anche con i droni se usciamo di casa?

Ultime notizie su Cronaca