Amsterdam. Sarà rimossa statua davanti lo stadio per apologia al nazifascismo

Lettura 1 min

La statua di bronzo che raffigura un atleta che saluta con un braccio teso che ricorda il gesto ai raduni nella Germania nazista dovra’ essere rimossa dall’esterno dello stadio Olimpico di Amsterdam.

Il motivo e’ collegamento del saluto con il nazi-fascismo. La rimozione e’ stata decisa dalla fondazione che gestisce lo stadio, come riporta AGI, dopo uno studio durato un anno. Spettera’ all’ente municipale della capitale olandese ratificare la decisione. La statua, alta tre metri e collocata all’esterno dell’impianto sportivo costruito in occasione delle Olimpiadi estive del 1928, era stata eretta per rendere omaggio al barone Tuyll van Serooskerken che contribui’ a portare l’evento a cinque cerchi ad Amsterdam. Il barone mori’, pero’, prima dello svolgimento delle Olimpiadi. I Giochi in terra’ d’Olanda si svolsero diversi anni prima che i nazisti salissero al potere in Germania e, anche se non ci sono legami diretti con il nazismo, secondo i funzionari della fondazione, molti passanti restano scioccati dalla somiglianza con il saluto nazista nonostante ci sia una targa esplicativa. Lo scorso giugno, l’Asian Art Museum di San Francisco aveva rimosso dal suo foyer il busto dell’ex presidente del Comitato Olimpico Internazionale, Avery Brundage a seguito dell”eredita’ razzista’. Brundage, morto nel 1975, si era opposto al boicottaggio dei Giochi olimpici del 1936 a Berlino durante il suo periodo come numero uno Comitato Olimpico americano.

Servizio Precedente

Venezia 24 agosto 1849, sul ponte sventola bandiera bianca!

Prossimo Servizio

Referendum. Comitato per il no: taglio parlamentari porterebbe risparmio cittadino di un caffè l'anno