AirIndia. Il volo faceva parte del rimpatrio malati Covid voluto dal governo indiano

Lettura 1 min

Nuova Delhi, 7 ago – L’aereo che si è spezzato in due all’aeroporto indiano di Kozhikode faceva parte del programma Vande Bharat per rimpatriare gli indiani rimasti all’estero nell’ambito della pandemia di Coronavirus.

I morti, che inizialmente sembravano 4, sono attualmente 16.
Entrambi i piloti sono deceduti nell’incidente.

Un viaggio di ritorno a casa, decisamente sfortunato.

Default thumbnail
Servizio Precedente

Zone rosse, esplode il caso Nembro e Alzano con atti rivelati dal governo. A chi il cerino delle responsabilità?

Prossimo Servizio

Marcinelle, il prezzo del rispetto pagato col sangue

Ultime notizie su Cronaca