Agghiacciante scoperta. Morte di Luana, secondo il perito “Manomessi quadro elettrico e parte meccanica orditoio”

Lettura 1 min

 Sarebbero due le manomissioni riscontrate al macchinario dell’orditura di Oste di Montemurlo, nel Pratese, dove ha perso la vita Luana D’Orazio, la giovane operaia morta sul lavoro lo scorso 3 maggio. Secondo quanto emerso in seguito al sopralluogo effettuato nei giorni scorsi dal perito nella ditta tessile dove si e’ verificato l’incidente mortale, oltre alla manomissione del quadro elettrico, ve ne sarebbe stata anche una seconda alla parte meccanica. I risultati della perizia saranno depositati in Procura. Se fossero confermate le indiscrezioni, si aggraverebbero ulteriormente le posizioni dei tre indagati per la morte di Luana: la titolare dell’orditura, il marito e il responsabile della manutenzione dell’orditoio. Per i tre e’ al momento ipotizzato, oltre all’omicidio colposo, anche il reato di manomissione dolosa degli strumenti di protezione e sicurezza.

Immagine tratta da facebook

Servizio Precedente

Coerenza su Astrazeneca. L'Ema: accelerare i tempi tra le due dosi

Prossimo Servizio

Dati schok - A Vicenza e Cremona tira una brutta aria. Ultimi posti per qualità ambientale su 322 città europee

Ultime notizie su Cronaca